Guasti e perdite

-

800 314 314

Info pratiche

-

800 238 238

Chiudi
Data pubblicazione: 14.06.2017
Data aggiornamento: 20.09.2017

Fonti autonome

Publiacqua spa in qualità di gestore del Servizio Idrico Integrato è titolare della raccolta delle denunce annuali per l’approvvigionamento da fonti autonome i cui utilizzatori effettuino lo scarico dei reflui nella pubblica fognatura.
Per fonti autonome si intende:
- Pozzo privati
- Sorgenti
- Acque superficiali
Tutti gli approvvigionamenti autonomi devono essere dotati di apposito contatore installato a carico del privato da cui rilevare i volumi prelevati.
Il prelievo deve essere denunciato annualmente entro il 31 gennaio tramite i moduli predisposti,(scarica modulo scarichi civili) (scarica modulo scarichi industriali) in cui oltre la quantità di acqua prelevata, deve essere indicato  il tipo di utilizzo (domestico, irriguo ecc); le denunce, oltre che tramite il servizio postale, potranno essere consegnate presso i nostri Ufficio al Pubblico.
Sulla quantità di acqua che confluisce nella pubblica fognatura  e, ove presente, negli impianti di depurazione sarà applicata la tariffa in vigore per servizio fognatura e depurazione.
Non hanno obbligo di denuncia e di pagamento dei servizi fognatura e depurazione coloro che utilizzano l’acqua prelevata al solo uso irriguo.

Scarichi domestici/assimilati.
Per scarichi domestici/assimilati al domestico  si intendono quelli provenienti da civili abitazioni e da tutte quelle attività i cui scarichi sono “simili” a quelli delle abitazioni, ad esempio attività commerciali o ditte che usano l’acqua (a prescindere dal tipo di prelievo) esclusivamente per i servizi igienici o la mensa aziendale o utilizzi similari, cioè dove l’acqua non viene usata in alcun modo nel processo produttivo. La normativa prevede che per gli scarichi domestici e assimilati in pubblica fognatura non sia prevista alcuna autorizzazione, tali scarichi sono sempre ammessi.

Scarichi Industriali.

Tali utenze devono essere preventivamente autorizzate allo scarico in fognatura dall’Autorità idrica Toscana, come prevede la normativa.
I titolari di attività produttive che diano origine a scarichi delle acque reflue utilizzate nel ciclo produttivo, qualunque sia la fonte di approvvigionamento (acquedotto pubblico, pozzi privati, acque superficiali ecc.) sono obbligati a presentare all’Azienda, annualmente, specifica denuncia utilizzando la modulistica predisposta (modulo denuncia)nella quale dovranno essere  indicate le quantità di acqua prelevata ed utilizzata nel ciclo produttivo e la quantità scaricata in fognatura. Contestualmente alla quantità è fatto obbligo di indicare gli elementi qualitativi dello scarico previsti dalla normativa al fine dell’applicazione della corretta tariffa del servizio di depurazione industriale