F.A.Q.

Dove trovo gli Uffici al Pubblico di Publiacqua?

Firenze, via De Sanctis n. 49/51 (lunedì – venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e giovedì dalle ore 14,30 – 16,30) Prato, via Targetti 34 (lunedì – venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30) Pistoia, viale Adua, 450 (lunedì – venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30) S. Giovanni Valdarno, via E. Gadda, 1 (lunedì – venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30) Borgo San Lorenzo, P.zzale Curtatone e Montanara, 29 (lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e giovedì dalle ore 14,30 alle ore 16,30) San Casciano Val di Pesa, via Antonio Morrocchesi, 50/A (lunedì, mercoledì, venerdì dalle ore 8,45 alle ore 12,30 e mercoledì dalle ore 14,15 alle ore 16,15)  

Con quale periodicità viene fatta la lettura del contatore?

Per la grande maggioranza delle utenze singole la lettura del contatore viene fatta due volte l’anno. Le fatture in un anno sono però quattro. Due basate su una lettura effettiva e le altre due basate su una lettura presunta, determinata in funzione dei consumi storici dell’utenza, oppure, se mancanti, in funzione del consumo medio di quella tipologia di utilizzo. Per le utenze singole con consumi compresi tra 1.000 e 6.000 mc annui la lettura del contatore viene fatta trimestralmente. La fatturazione è però mensile. Tra una lettura effettiva e l’altra vengono stimate due letture mediante calcolo basato sui consumi storici dell’utenza. Per le utenze singole con consumi superiori a 6000 mc annui la lettura del contatore è mensile.

Come e quando comunicare la lettura?

Il modo più semplice per comunicare la lettura è quello di chiamare il nostro numero verde 800 238 238, forniti del vostro numero utente La lettura deve essere comunicata da 4 a 9 giorni prima della data media di lettura da noi prevista per quel contatore. I giorni in cui comunicare la lettura possono essere richiesti al numero verde 800 238 238 oppure li trovate indicati in bolletta. Quando il letturista non trova il contatore (può succedere se il contatore è interno ed in casa non c’è nessuno, oppure se è ubicato in luogo non facilmente individuabile), lascia una cartolina nella cassetta della posta. In quel caso la lettura può essere comunicata anche inviando la cartolina stessa.

Come attestare un pagamento a fronte di un sollecito o della chiusura del contatore per morosità.

Per attestare un pagamento non effettuato presso le casse aziendali di Prato e Firenze, occorre inviare fax della ricevuta al numero 055/6862455, oppure esibire la ricevuta stessa presso uno degli sportelli aziendali di Firenze, Prato, Pistoia; San Giovanni, Borgo San Lorenzo. E’ bene verificare che nella ricevuta sia chiaramente leggibile il codice utente. Attenzione! Nel caso di pagamento mediante bonifico, all’attestato di pagamento va aggiunto il codice CRO, rilasciato dalla banca a conferma dell’esecutività della disposizione di pagamento.  

Come mai in alcuni casi arriva una bolletta negativa?

L'importo di una bolletta può risultare negativo quando per i motivi sotto elencati l'importo da pagare sia inferiore a quello che Publiacqua deve restituire all'utente: viene effettuata la bolletta di cessazione con la restituzione  del deposito cauzionale. Questo importo viene restituito mediante assegno circolare non trasferibile, intestato all’utente e spedito al solito indirizzo a cui viene inviata la fattura di cessazione. la bolletta emessa contiene un rimborso di un doppio pagamento precedentemente versato dall'utente; questo importo andrà a scalare nell'emissione della bolletta successiva. la bolletta emessa è la correzione di una bolletta che l’utente aveva già pagato prima di chiederne l’annullamento viene effettuato il conguaglio con l'effettiva rilevazione dei consumi. nel caso in cui l'acconto versato precedentemente, sia stato più alto, il conguaglio risulterà negativo. Questo importo andrà a scalare nell'emissione della bolletta successiva  

Con quale periodicità arrivano le bollette?

Per la grande maggioranza delle utenze singole e per tutte le utenze condominiali  le fatture sono trimestrali. Nel caso di utenze singole con consumi superiori a 1000 mc annui la fatturazione è mensile.

Come chiedere una rateizzazione

La richiesta della rateizzazione di una bolletta deve essere motivata: ad esempio l’importo è molto più elevato di quello consueto perché il periodo fatturato è più lungo, oppure perché è una bolletta conseguente ad una perdita, etc. La rateizzazione va richiesta di norma entro la scadenza della bolletta. Nel caso di utenze per uso abitativo la rateizzazione viene concessa con molta più facilità  a fronte di un reddito basso. Il reddito deve essere attestato mediante copia dell’autocertificazione ISEE. I limiti di reddito che vengono valutati sono gli stessi previsti per l’applicazione delle agevolazioni tariffarie. Indicatore ISEE di € 9.589,95 oppure nucleo familiare di almeno 5 persone ed indicatore ISEE di € 11.962,40. La richiesta può essere avanzata: presentandosi a uno dei nostri sportelli di Firenze, Prato, Pistoia; San Giovanni, Borgo San Lorenzo. In questo caso si dovrà presentare il titolare dell’utenza o persona da lui delegata in forma scritta. Scrivendo a Publiacqua S.P.A., in Via Villamagna, 90/C – 50126 – Firenze,  inviandola via fax al numero 055/6862495. Si ricordi, ove occorra il caso, di recare con sé o allegare l’autocertificazione ISEE del reddito.

Come vengono rimborsati i crediti

Di norma l’importo del credito viene scalato sulla bolletta successiva. Nel caso di una fattura a cessazione il credito viene restituito mediante assegno circolare non trasferibile, intestato all’utente e spedito al medesimo indirizzo a cui viene inviata la fattura di cessazione. Anche nel caso di un utenza attiva l’utente può richiedere in forma scritta che il credito gli venga restituito mediante assegno circolare. La richiesta può essere spedita a Publiacqua S.P.A., in Via Villamagna, 90/C – 50126 – Firenze,   inviata via fax al numero 055/6862495, oppure consegnata ad uno dei nostri sportelli di Firenze, Prato, Pistoia; San Giovanni, Borgo San Lorenzo.

Cosa fare nel caso in cui il contatore sia chiuso per morosità

Per ottenere la riapertura occorre provvedere al pagamento dell’intero importo del debito e notificare l’avvenuto pagamento. La notifica può essere fatta inviando  fax della ricevuta al numero 055/6862455, oppure esibendo la ricevuta stessa presso uno degli sportelli aziendali di Firenze, Prato, Pistoia; San Giovanni, Borgo San Lorenzo. Attenzione! Nel caso di pagamento mediante bonifico, all’attestato di pagamento va aggiunto il codice CRO, rilasciato dalla banca a conferma dell’esecutività della disposizione di pagamento. Entro due giorni lavorativi dalla notifica del pagamento provvederemo alla riapertura del contatore. Per avere informazioni sugli importi insoluti si può chiamare il numero verde 800 238 238.

Come chiedere la modifica dell’indirizzo di spedizione di una fattura

Nel caso di utenze singole per usi abitativi è sufficiente telefonare al numero verde 800 238 238 muniti del proprio numero utente e del codice fiscale. Naturalmente, oltre che al numero verde,  potete rivolgervi anche ad uno dei nostri sportelli di Firenze, Prato, Pistoia; San Giovanni, Borgo San Lorenzo. Nel caso di aziende, enti, condomini e utenze comunque intestate per più unità abitative, occorre una richiesta scritta. La richiesta può essere fatta utilizzando IL MODULO CONTRATTO E VARIAZIONI, che trovate nella sezione MODULISTICA di questo sito. Naturalmente basta riempire soltanto le parti relative al richiedente ed all’indirizzo di spedizione delle fatture. La richiesta deve essere sottoscritta, a seconda dei casi, dal legale rappresentante o dal dirigente con potere di rappresentanza esterna o dall’amministratore del condominio. Nel caso di utenze condominiali per le quali non sia presente un amministratore, la richiesta può essere sottoscritta da un delegato del condominio, allegando la delega di tutti gli altri condomini. Alla richiesta deve essere allegata copia di un documento d’identità del dichiarante. La richiesta può essere spedita a Publiacqua S.P.A., in Via Villamagna, 90/C – 50126 – Firenze,  inviata via fax al numero 055/6862495, oppure consegnata presso uno dei nostri sportelli di Firenze, Prato, Pistoia; San Giovanni, Borgo San Lorenzo.