Data pubblicazione: 03.02.2020
Data aggiornamento: 29.05.2020

Alle battute finali il concorso creativo per il design della nuova bottiglia Publiacqua

My Bottle

Ed eccoci alle battute finali. My Bottle si avvia alla conclusione e quindi alla definizione di quella che sarà la Bottiglia Publiacqua 2020. Una bottiglia che, come quella realizzata nel 2010, esattamente 10 anni fa, uscirà dal “genio”, dalla fantasia e dalle capacità di un designer.
Alla nostra richiesta di “scatenare” ingegno e creatività avete risposto in più di 60 e per questo Publiacqua, IED (Istituto Europeo di Design), Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci e Fondazione Palazzo Strozzi non possono che ringraziarvi. 
Non è stato facile selezionare i migliori cinque progetti ed il lavoro della commissione è stato non poco ostacolato dall’emergenza sanitaria che ha bloccato il paese. Nonostante ciò oggi siamo pronti per far partire una nostra personalissima “fase 2” quella del nostro progetto.
I cinque progetti prescelti, infatti, sono da oggi visualizzabili sul nostro sito e saranno sottoposti al voto popolare attraverso un sondaggio che dal 3 giugno sarà pubblicato sulla pagina Instagram di Publiacqua.
Ogni giorno, per cinque giorni, verranno presentati i progetti accompagnati da una domanda. Una domanda relativa ovviamente alla bottiglia ed al suo posto nel “mondo” una volta esaurito il contest.   Il sondaggio online terminerà ai primi di luglio e successivamente sarà pubblicata la classifica definitiva.
Intanto, però, ecco come promessi i nomi dei progetti che sono stati selezionati per la finale. La commissione ha giudicato gli oltre sessanta progetti selezionati in base a quattro requisiti: estetica, impatto emozionale, originalità e fattibilità ed alla fine ecco i nomi dei “Fantastici 5”:

1)    TOSCANA PLASTIC FREE (Alessandro Grossi)
2)    SHARING BOTTLE (Tullio Maglia)
3)    CISTERNA (Cinar Ali)
4)    FLOW (Jacopo Montalto)
5)    SOURCE (Emanuele Ferretti)

 

Ricordiamo che il progetto My Bottle nasce dalla volontà di Publiacqua di rinnovare il design della propria bottiglia ideata nel 2010. Da quella data tante cose sono cambiate e tra esse, per fortuna, anche la sensibilità verso i temi ambientali e la crescente emergenza per quanto riguarda i rifiuti e la produzione e lo smaltimento della plastica.
Publiacqua, attore importante in questa "battaglia culturale" attraverso la diffuzione della sua bottiglia ma anche dei 100 Fontanelli di Alta Qualità installati sul territorio dei 45 Comuni dove l'azienda gestisce il servizio idrico, promuove il presente bando creativo in collaborazione con IED Firenze (Istituto Europeo di Design) e con il supporto di Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci e Fondazione Palazzo Strozzi
Lo scopo è quello di incentivare la diffusione fra i consumatori della logica Km Zero, attraverso un contenitore di alta qualità funzionale ed estetica che permetta l'uso quotidiano in ogni ambito dell'acqua di rubinetto, ambientalmente ed economicamente sostenibile.

Correlati