Guasti e perdite

-

800 314 314

Info pratiche

-

800 238 238

Chiudi
Data pubblicazione: 27.03.2014
Data aggiornamento: 09.07.2018

Bonus Idrico Integrativo

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, con Delibera 897/2017/R/idr, ha approvato il Testo Integrato per l'applicazione del Bonus Sociale Idrico (TIBSI) con il quale si stabiliscono modalità di assegnazione dello stesso. In analogia a quanto già in essere per il Bonus Elettrico e Bonus Gas, il canale per avere informazioni e richiedere tale agevolazione è il Comune di residenza (a partire dal 1 luglio). La modulistica si può trovare invece sul nostro sito internet (vedi il tool a destra) ma anche su quello dell'Autorità (www.arera.it) oppure sul sito internet di SGAte (www.sgate.it); 

Inoltre l'Autorità Idrica Toscana ha aggiornato il Regolamento regionale per l’attuazione del Bonus Sociale Idrico Integrativo. Ricordiamo che, in base a quanto stabilito dal Regolamento, sono i Comuni i soggetti competenti e preposti all’individuazione gli aventi diritto alle agevolazioni.
Invitiamo quindi i cittadini che fossero interessati ad usufruire di dette agevolazioni ad informarsi su data e modalità di pubblicazione del bando da parte del proprio Comune che conterrà anche le specifiche su documentazione e requisiti necessari da presentare.

 

L’AEEGSI (Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico) ha varato misure a favore dei cittadini colpiti dagli eventi sismici che dal 24 agosto 2016 hanno colpito il Centro Italia.  Lo ha fatto attraverso la deliberazione 252/2017 ed è un provvedimento che vale per tutti quei cittadini la cui abitazione sia stata resa inagibile dal terremoto. Tali agevolazioni sono automatiche per le utenze già esistenti nei comuni colpiti e per le strutture abitative d’emergenza  mentre devono essere richieste da coloro che hanno avuto la casa inagibile ed è stato costretto quindi a trasferirsi in altre località e comuni su tutto il territorio nazionale.
Le agevolazioni fissate dall’Autorità sono valide a partire dalla data degli eventi sismici e prevedono che alle utenze del servizio idrico non vengano applicati i corrispettivi tariffari per acquedotto, fognatura, depurazione e le componenti tariffarie UI di perequazione. Oltre a ciò alla ripresa della fatturazione gli importi relativi ad eventuali consumi dovranno essere rateizzati per un periodo minimo di 24 mesi, senza interessi. Infine vengono eliminati i costi per nuove attivazioni, disattivazioni e/o volture.
 

Per maggiori le info è possibile consultare la Delibera 252/2017 e la sintesi allegate di seguito


 

Correlati